Oranienbaum

Casettadipietroilgrande

Depositphotos_312997622_xl-2015
Depositphotos_54608385_xl-2015-new
Depositphotos_70523071_xl-2015-new
Depositphotos_81450466_xl-2015-new

La residenza imperiale più autentica nei dintorni di San Pietroburgo è Oranienbaum, perché non fu occupata dai tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale anche se il suo nome deriva dal tedesco “arancio” e ricorda che sul territorio della tenuta crescevano nelle serre gli aranci. Pietro il Grande regalò il territorio al suo braccio destro, il governatore di San Pietroburgo Alessandro Menshikov affinché ne facesse la propria residenza estiva. Menshikov era allora l’uomo più ricco in tutta la Russia e si fece costruire il Gran Palazzo (la lunghezza della facciata è di 200 metri) che si affacciava sul mare ed era circondato dagli aranceti.

Caterina la Grande fece costruire nel parco tanti padiglioni che aggiunsero fama alla residenza, il più famoso dei quali è il Palazzo Cinese, opera dell’architetto Antonio Rinaldi. Fu costruito come centro dei divertimenti dell’imperatrice ed è uno dei pochi palazzi in puro stile rococò. Si annovera fra i più ragguardevoli monumenti della cultura europea del’700. Caterina chiamava questo palazzo la “scrigno di gioielli”, potrete vedere il famosissimo Studio di canutiglie, un vero e proprio capolavoro degli artisti russi, il trionfo artistico della Sala delle Muse, la Camera da letto damascata.

Un enorme parco di 160 ettari e la visita al Palazzo di Menshikov e al Palazzo Cinese Vi lascereanno un magnifico ricordo indelebile!